Gruppo Immsi: progetto di bilancio 2019

Mer, 25/03/2020 - 12:41

GRUPPO IMMSI: PROGETTO DI BILANCIO 20191

Ricavi consolidati 1.590,7 milioni di euro in crescita dell’8,6% (1.464,5 €/mln nel 2018)

 

Ebitda adjusted2 228 milioni di euro, in crescita del 6,9% (Ebitda3 222,6 €/mln, migliore Ebitda dal 2003) (213,3 €/mln nel 2018). Ebitda margin adjusted pari al 14,3%

Risultato operativo (Ebit) adjusted2 108 milioni di euro, in crescita del 7,4%
(Ebit3 95,3 €/mln)(100,6 €/mln nel 2018). Ebit margin adjusted 6,8%

 

Risultato ante imposte adjusted2 positivo per 67,5 milioni di euro, in crescita del 15,2%
(Risultato ante imposte positivo3 per 53,4 €/mln) (58,6 €/mln nel 2018)

 

Risultato netto inclusa la quota di terze parti adjusted2 pari a 32,9 milioni di euro,
in crescita del 29,5%
(risultato non adjusted3 23 €/mln)(25,4 €/mln nel 2018)

 

Utile netto consolidato adjusted2 a 17,6 milioni di euro, in crescita del 36,4%
(utile netto consolidato3 7,9 €/mln)(12,9 €/mln nel 2018)

 

Posizione finanziaria netta pari a -796,4 €/mln,
in miglioramento di 55,6 €/mln rispetto a -852 €/mln al 31.12.2018

 

Investimenti per 143,6 milioni di euro, in aumento del 21,9% (117,8 €/mln nel 2018)

 

* * *

 

1I valori economici, patrimoniali e finanziari al 31.12.2019 recepiscono gli effetti dell’IFRS 16 sulla contabilizzazione dei lease operativi e di alcune operazioni non ricorrenti. Per consentire un confronto omogeneo con i valori al 31.12.2018 non rideterminato secondo il nuovo principio, gli effetti più rilevanti di quest’ultimo e delle operazioni non ricorrenti sono evidenziati nel commento dei singoli valori influenzati.
2Valore al netto degli effetti dell’IFRS 16 e di operazioni non ricorrenti
3Valore inclusivo degli effetti dell’IFRS 16 e di operazioni non ricorrenti

 

Autorizzazione all'acquisto e disposizione di azioni proprie

 

Mantova, 25 marzo 2020 - Il Consiglio di Amministrazione di Immsi S.p.A. (IMS.MI), riunitosi oggi sotto la presidenza di Roberto Colaninno, ha esaminato e approvato il Progetto di Bilancio per l’esercizio 2019.

 

Andamento economico-finanziario del Gruppo Immsi al 31 dicembre 2019

 

Il Gruppo Immsi prosegue il percorso strategico di espansione geografica coerente con le strategie di prodotto nonché con le dinamiche macroeconomiche mondiali. Tale modello di gestione consente di ridurre sensibilmente i rischi derivanti da una eccessiva concentrazione della produzione e delle fonti di reddito in un singolo Paese e consente di massimizzare i ritorni nei Paesi a più alto tasso di crescita economica. Allo stesso tempo la continua analisi delle nuove ed emergenti politiche commerciali internazionali e dei mutamenti socio-politici in atto, confermano che tale diversificazione geografica garantisce la soddisfazione di una crescente domanda di qualità da parte di tutti i clienti delle società controllate, senza registrare un aumento di costi di produzione e migliorando al contempo il time to market.

I ricavi consolidati al 31 dicembre 2019 ammontano a 1.590,7milioni di euro, in crescita dell’8,6% rispetto a1.464,5milioni di euro registrati nel 2018.

 

L’Ebitda (risultato operativo ante ammortamenti) consolidato adjusted4 del Gruppo Immsi, è pari a 228 milioni di euro (14,3% dei ricavi), in crescita del 6,9%.

L’Ebitda5 consolidatoammonta a 222,6 milioni di euro, il miglior risultato rilevato nel periodo dal 2003, in crescita del 4,4% rispetto ai213,3 milioni di euro del 2018. L’Ebitda margin è pari al 14% (14,6% al 31 dicembre 2018).

 

L’Ebit (risultato operativo) consolidato adjusted4 ammonta a 108 milioni di euro (6,8% dei ricavi), in crescita del 7,4%.  

L’Ebit5consolidatorisulta pari a 95,3 milioni di euro (100,6 milioni di euro al 31 dicembre 2018). L’Ebit margin si attesta al 6% (6,9% al 31 dicembre 2018).

 

Il risultato ante imposte adjusted4 risulta pari a 67,5 milioni di euro, in crescita del 15,2%.
Il risultato ante imposte5registra un saldo positivo per 53,4 milioni di euro (58,6 milioni di euro al 31 dicembre 2018).

 

Il risultato netto inclusa la quota di terze parti adjusted4 si attesta a 32,9 milioni di euro, in crescita del 29,5%.

Il risultato netto inclusa la quota di terze parti5è positivo per 23 milioni di euro (25,4 milioni di euro al 31 dicembre 2018).

 

Il risultato netto consolidato adjusted4 risulta positivo per 17,6 milioni di euro, in crescita del 36,4%.

Il risultato netto consolidato5 è positivo per 7,9 milioni di euro (12,9 milioni di euro al 31 dicembre 2018).

 

L’indebitamento finanziario netto (PFN) del Gruppo Immsi al 31 dicembre 2019 (su cui hanno impattato gli effetti negativi derivanti dall’applicazione del principio contabile IFRS16, pari a 23,1 milioni di euro, e 9,8 milioni derivanti dall’acconto su dividendi distribuito da Piaggio & C. S.p.A.), risulta pari a 796,4 milioni di euro in miglioramento di 55,6 milioni di euro rispetto a 852 milioni di euro al 31 dicembre 2018, principalmente per effetto della dismissione da parte di Immsi S.p.A. dell’immobile di Roma di via Abruzzi (vd. comunicato del 20/12/2019).

L’indebitamento finanziario netto adjusted, escludendo gli effetti sopra citati, risulta pari a 826 milioni di euro, in miglioramento di 26 milioni di euro rispetto a 852 milioni di euro al 31 dicembre 2018.

 

Nel 2019 il Gruppo Immsi ha consuntivato investimenti per 143,6 milioni di euro in aumento del 21,9% rispettoai 117,8 milioni di euro nel 2018.

 

Si segnala che il Gruppo svolge attività che presentano variazioni stagionali delle vendite nel corso dell’anno, soprattutto con riferimento al settore industriale.

 

 Andamento dei business del Gruppo Immsi al 31 dicembre 2019

 

Settore Industriale: Gruppo Piaggio 

 

Nel 2019 il Gruppo Piaggio ha registrato performance decisamente migliori rispetto all’anno precedente, la crescita di tutti i principali indicatori di conto economico, l’aumento dell’utile netto, maggiori investimenti e la riduzione del debito.

 

Al 31 dicembre 2019 i ricavi netti consolidati del Gruppo Piaggio sono stati pari a 1.521,3 milioni di euro (+9,5%); l’Ebitda consolidato pari a 227,8 milioni di euro (+12,9%), con una marginalità del 15%, il risultato migliore dal 2006, anno della quotazione; l’Ebit è stato pari a 104,5 milioni di euro (+12,7%), con una marginalità del 6,9%; l’utile netto ha registrato una crescita del 29,6%, attestandosi a 46,7 milioni di euro.

 

L’indebitamento finanziario netto (PFN) adjusted6 del Gruppo Piaggio al 31 dicembre 2019 risulta pari a 389,7 milioni di euro, in miglioramento per 39,5 milioni di euro rispetto ai 429,2 milioni di euro al 31 dicembre 2018.

 

Nel corso del periodo il Gruppo Piaggio ha venduto complessivamente nel mondo 611.300 veicoli, in crescita dell’1,3%.

 

Settore Navale: Intermarine S.p.A.

 

Nel settore navale, Intermarine S.p.A. ha registrato al 31 dicembre 2019 ricavi consolidati pari a 64,6 milioni di euro; l’Ebitda positivo per 12,3 milioni di euro (Ebitda margin pari al 19%);
Ebit pari a 8,8 milioni di euro (Ebit margin pari al 13,6%) e un utile netto positivo per 4,8 milioni di euro.

In dettaglio i ricavi risultano composti da 54 milioni di euro riferibili al Settore Militare e
10,6 milioni di euro relativi alla divisione Fast Ferries e Yacht, principalmente riferite alle attività svolte dal cantiere di Messina e della divisione Marine Systems.

 

Settore Immobiliare e Holding


Il settore Immobiliare e Holding presenta al 31 dicembre 2019 ricavi netti pari a 4,8 milioni di euro.

 

La controllata Is Molas S.p.A., che gestisce il progetto Is Molas Golf Resort in provincia di Cagliari, ha completato quattro ville mockup finite e le restanti 11 ville del primo lotto ad uno stato di costruzione “al grezzo” avanzato, in modo da consentire ai potenziali clienti la scelta delle pavimentazioni e delle finiture interne. La Società ha valutato l’opportunità di concedere in locazione le ville mockup al fine di permettere ai clienti finali, compresi gli investitori, di conoscere meglio il prodotto ed i relativi servizi offerti. In parallelo si sta procedendo con le attività commerciali volte ad individuare possibili acquirenti anche a livello internazionale.

 

* * *

 Capogruppo Immsi S.p.A.

 

La Capogruppo Immsi S.p.A. ha registrato un risultato netto di periodo positivo pari a circa
9 milioni di euro (6,7 milioni di euro al 31 dicembre 2018). Escludendo gli effetti dell’IFRS 16 e degli oneri non ricorrenti connessi alla vendita dell’immobile di Roma di Via Abruzzi, il risultato netto sarebbe stato pari a 18,5 milioni di euro. L’incremento rispetto al precedente esercizio è principalmente dovuto ai maggiori dividendi distribuiti da Piaggio al netto degli adeguamenti dei valori delle partecipazioni detenute.

La posizione finanziaria netta della Capogruppo Immsi S.p.A. al 31 dicembre 2019 è positiva per 12,5 milioni di euro, in incremento di 77,5 milioni di euro rispetto all’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2018 (65 milioni di euro); tale incremento è principalmente dovuto all’incasso della vendita dell’immobile di Roma e ai maggiori dividendi percepiti da Piaggio.

 

Il Consiglio di Amministrazione proporrà all'Assemblea degli Azionisti (che si svolgerà in prima convocazione il giorno 14 maggio 2020 e, occorrendo, in seconda convocazione il giorno
28 maggio 2020), di non distribuire dividendi per l’esercizio 2019 (analoga proposta era stata deliberata per l'esercizio 2018).

 

* * *

Eventi di rilievo al 31 dicembre 2019 e successivi  

 

A integrazione di quanto già riportato nel presente testo o comunicato in sede di approvazione dei risultati relativi al terzo trimestre 2019 (Consiglio di Amministrazione del 13 novembre 2019), si riportano di seguito i principali eventi del periodo e successivi.

 

18 dicembre 2019 il Gruppo Piaggio ha presentato a New Delhi la nuova Ape E-City, la versione full-electric del tre-ruote Piaggio, che rappresenta l’ingresso del Gruppo nel mercato indiano dei veicoli commerciali elettrici. Ape E-City è dotata di tecnologia battery swap, che consente la sostituzione in pochi minuti della batteria scarica con una carica presso stazioni di servizio automatizzate.

 

Come comunicato il 20 dicembre 2019, Immsi S.p.A. ha perfezionato la vendita dell’edificio sito in Roma tra via Abruzzi n.25 e via Sardegna n.ri 38/40 al prezzo di 62,5 milioni di euro.

 

Il 24 gennaio 2020 il Gruppo Piaggio ha comunicato l’avvio in India della produzione di veicoli a tre ruote conformi alla nuova normativa sulle emissioni, Bharat Stage VI, diventando così il primo produttore di veicoli a tre ruote del Paese ad aver aggiornato la sua intera gamma ai nuovi standard.

 

Nel corso della fiera internazionale Auto Expo 2020 di Delhi, lo scorso 10 febbraio 2020 è stato presentato il nuovo scooter Aprilia SXR 160, destinato al mercato indiano. È stata così ampliata l’offerta e il potenziale numerico della gamma prodotti di fascia alta, già rappresentati nel subcontinente da Vespa e Aprilia SR 150.

 

Il 3 marzo 2020, Intermarine ha effettuato la consegna amministrativa alla Marina Militare Italiana dell’Unità Navale UNPAV (Unità Navale Polifunzionale ad Alta Velocità – Classe Cabrini), denominata Tullio Tedeschi. La nave, consegnata in linea con le tempistiche del cronoprogramma, è la seconda delle due UNPAV commissionate dalla Marina Militare a Intermarine nell’ottobre 2016 per un totale di 40 milioni di euro, ed è rispondente ai più elevati standard qualitativi.

 

Per far fronte all’emergenza sanitaria internazionale causata dal virus Covid-19, il Gruppo Piaggio si è attivato fin da subito per recepire le prescrizioni disposte dal Governo italiano, introducendone inoltre di aggiuntive in accordo con i sindacati. Salvo una breve interruzione volta a introdurre nuove precauzioni sanitarie per preservare la sicurezza dei propri dipendenti, la produzione degli stabilimenti italiani del Gruppo Piaggio è continuata fino a venerdì 20 marzo. Il DPCM emanato il 22 marzo ha disposto la chiusura delle attività considerate non strategiche, e pertanto da lunedì 23 marzo gli stabilimenti italiani del Gruppo

(Pontedera, Mandello del Lario, Noale e Scorzè) sono temporaneamente, e fino al 3 aprile, in stato di fermo.

 

 

* * *

Evoluzione prevedibile della gestione

 

In merito al Settore Industriale, nonostante un impatto del virus Covid-19 sull’economia mondiale almeno nella prima parte dell’anno, il Gruppo Piaggio, che sta gestendo gli effetti sulla propria catena di fornitura senza particolari impatti per gli stabilimenti produttivi (situati in Italia, India e Vietnam), continuerà ad operare per rafforzare il proprio posizionamento sui mercati globali.

 

Inoltre, tenuto conto del portafoglio prodotti e della presenza produttiva e commerciale diversificata sui mercati internazionali che consentirà di mitigare eventuali effetti negativi, il Gruppo si impegna a:

 

  • confermare la posizione di leadership nel mercato europeo delle due ruote, sfruttando al meglio la ripresa prevista attraverso un ulteriore rafforzamento della gamma prodotti, sia scooter sia moto;
  • mantenere le attuali posizioni sul mercato europeo dei veicoli commerciali, rafforzando la rete di vendita;
  • consolidare la presenza nell’area Asia Pacific, esplorando nuove opportunità nei Paesi dell’area, sempre con particolare attenzione al segmento premium del mercato;
  • rafforzare le vendite nel mercato indiano dello scooter grazie all’offerta di prodotti Vespa ed Aprilia;
  • incrementare la penetrazione dei veicoli commerciali in India, grazie anche all’introduzione di nuove motorizzazioni.

 

Dal punto di vista tecnologico il Gruppo Piaggio proseguirà nella ricerca di nuove soluzioni ai problemi della mobilità attuali e futuri, grazie all’impegno di Piaggio Fast Forward (Boston) e di nuove frontiere del design da parte di PADc (Piaggio Advanced Design center) a Pasadena.

 

In linea più generale resta infine fermo l’impegno - che caratterizzerà come sempre le attività del Gruppo - di generare anche nel 2020 una crescita della produttività con una forte attenzione all’efficienza dei costi e degli investimenti, monitorando attentamente la situazione, per apportare, laddove necessario, i provvedimenti utili a garantire la soddisfazione di tutti gli stakeholder del Gruppo.

 

Con riferimento al Settore Navale (Intermarine S.p.A.), nel 2020 si svilupperanno gli avanzamenti di produzione relativi alle commesse acquisite, con l’obiettivo di consolidare il rafforzamento patrimoniale in atto negli ultimi esercizi. Inoltre, la Società sta presentando nel settore Difesa progetti di cacciamine e pattugliatori a diverse Marine estere, così come sta monitorando le richieste della Marina Militare Italiana per l’ammodernamento della flotta. Gli obiettivi sono volti ad acquisire ulteriori commesse che permetterebbero di incrementare il portafoglio ordini acquisiti e di conseguenza garantire alla società condizioni che permettano di ottimizzare la capacità produttiva per i prossimi anni.

 

Per quanto riguarda il Settore Immobiliare e Holding, con particolare riferimento alla controllata Is Molas S.p.A., si segnala che la società sta procedendo con le attività commerciali volte ad individuare possibili acquirenti anche a livello internazionale.

 

* * *


Dichiarazione Non Finanziaria
 

 

Nella seduta odierna, il Consiglio di Amministrazione ha approvato la Dichiarazione consolidata di carattere Non Finanziario di Immsi S.p.A. redatta ai sensi del D. Lgs. 254/2016 inclusa nella Relazione sulla Gestione degli Amministratori al 31 dicembre 2019.

 

* * *

 

Autorizzazione all’acquisto e disposizione di azioni proprie

 

Nella seduta odierna, il Consiglio di Amministrazione ha, inoltre, deliberato di proporre all’Assemblea ordinaria degli azionisti di rinnovare l’autorizzazione all’acquisto e disposizione di azioni proprie, già concessa con l’Assemblea ordinaria del 14 maggio 2019 e che andrà a scadere nel corso dell’esercizio 2020. La proposta è finalizzata a dotare la Società di una utile opportunità strategica di investimento per ogni finalità consentita dalle vigenti disposizioni, ivi incluse le finalità contemplate nell’art. 5 del Regolamento (UE) 596/2014 (Market Abuse Regulation, di seguito “MAR”) e nelle prassi ammesse a norma dell’art. 13 MAR, ivi inclusa la finalità di acquisto di azioni proprie in funzione del loro successivo annullamento, nei termini e con le modalità che saranno eventualmente deliberati dai competenti organi sociali.

Tutte le informazioni riguardanti i termini e le modalità dell’autorizzazione saranno rese disponibili nella Relazione Illustrativa sull’acquisto e disposizione di azioni proprie che verrà messa a disposizione degli Azionisti nei termini previsti dalla vigente normativa.

 

* * *

 

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Andrea Paroli, dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

 

Il presente comunicato può contenere dichiarazioni previsionali, relative a eventi futuri e risultati operativi, economici e finanziari del Gruppo Immsi. Le suddette previsioni hanno per loro natura una componente di rischiosità ed incertezza, in quanto dipendono dal verificarsi di eventi e sviluppi futuri. I risultati effettivi potranno discostarsi in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una pluralità di fattori.

 

Nell’ambito del presente comunicato sono riportati alcuni indicatori che, ancorché non previsti dagli IFRS (“Non-GAAP Measures”), derivano da grandezze finanziarie previste dagli stessi. Tali indicatori – che sono presentati al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione di Gruppo – non devono essere considerati alternativi a quelli previsti dagli IFRS e sono omogenei con quelli riportati nella Relazione e bilancio annuale al 31 dicembre 2018 e nella reportistica trimestrale e semestrale periodica del Gruppo Immsi. Si ricorda, inoltre, che le modalità di determinazione di tali indicatori ivi applicate, poiché non specificamente regolamentate dai principi contabili di riferimento, potrebbero non essere omogenee con quelle adottate da altri e, pertanto, questi indicatori potrebbero risultare non adeguatamente comparabili. In particolare, gli indicatori alternativi di performance utilizzati sono i seguenti:

 

  • EBITDA: definito come risultato operativo al lordo degli ammortamenti e costi di impairment delle attività immateriali e materiali, così come risultanti dal Conto economico;
  • Indebitamento finanziario netto: rappresentato dalle passività finanziarie (correnti e non correnti), ridotte della cassa e delle altre disponibilità liquide equivalenti, nonché degli altri crediti finanziari (correnti e non correnti). Non concorrono, invece, alla determinazione dell’Indebitamento finanziario netto le altre attività e passività finanziarie originate dalla valutazione al fair value di strumenti finanziari derivati designati di copertura, l’adeguamento al fair value delle relative poste coperte, i relativi ratei, gli interessi maturati sui finanziamenti e le passività finanziarie correlate alle attività destinate alla dismissione. Tra gli schemi contenuti nella Relazione Finanziaria Semestrale al 31 dicembre 2019 inserita una tabella che evidenzia la composizione di tale aggregato. A riguardo, in conformità con la raccomandazione del CESR del 10 febbraio 2005 “Raccomandazione per l’attuazione uniforme del regolamento della Commissione Europea sui prospetti informativi”, si segnala che l’indicatore così formulato rappresenta quanto monitorato dal management del Gruppo e che lo stesso differisce da quanto suggerito dalla Comunicazione Consob n. 6064293 del 28 luglio 2006 in quanto include anche l’eventuale quota non corrente dei crediti finanziari.

 

Nella redazione della Relazione sulla Gestione e Bilancio al 31 dicembre 2019, il Gruppo Immsi ha applicato gli stessi principi contabili adottati nella redazione della Relazione sulla Gestione e Bilancio al 31 dicembre 2018 ad esclusione della adozione a partire dal 1° gennaio 2019 dell’IFRS 16 sulla contabilizzazione dei lease operativi.

 

Immsi S.p.A. rende noto che la redazione della Relazione sulla Gestione e Bilancio al 31 dicembre 2019 sarà a disposizione del pubblico presso la sede legale della Società, nel meccanismo di stoccaggio autorizzato “eMarket STORAGE” consultabile all’indirizzo www.emarketstorage.com, nonché sul sito internet dell'Emittente www.immsi.it (sezione “Governance/Assemblea/Archivio/2020” esezione “Investors/Bilanci e relazioni/2020”) nei termini di legge.

 

Di seguito vengono proposti i prospetti della Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata, di Conto economico consolidato ed i Flussi di Cassa consolidati del Gruppo Immsi ed i prospetti della Posizione patrimoniale – finanziaria, di Conto economico ed i Flussi di Cassa relativi ad Immsi S.p.A.. Si precisa che, al momento della pubblicazione del presente comunicato, non è stata ancora completata l’attività di revisione sul Bilancio consolidato del Gruppo Immsi, sul Bilancio separato di Immsi S.p.A. e sulla Dichiarazione Non Finanziaria ex 254/2016 al 31 dicembre 2019.

 

 

1I valori economici, patrimoniali e finanziari al 31.12.2019 recepiscono gli effetti dell’IFRS 16 sulla contabilizzazione dei lease operativi e di alcune operazioni non ricorrenti. Per consentire un confronto omogeneo con i valori al 31.12.2018 non rideterminato secondo il nuovo principio, gli effetti più rilevanti di quest’ultimo e delle operazioni non ricorrenti sono evidenziati nel commento dei singoli valori influenzati.
2Valore al netto degli effetti dell’IFRS 16 e di operazioni non ricorrenti
3Valore inclusivo degli effetti dell’IFRS 16 e di operazioni non ricorrenti.
4Valore al netto degli effetti dell’IFRS 16 e di operazioni non ricorrenti.
5
Valore inclusivo degli effetti dell’IFRS 16 e di operazioni non ricorrenti
6
Posizione finanziaria netta adjusted: Posizione finanziaria netta del Gruppo Piaggio al 31 dicembre 2019 al netto di 19 €/mln per effetto dell’applicazione IFRS 16 in vigore dal 1° gennaio 2019 e per 19,7 €/mln a seguito della modifica alla politica di distribuzione dei dividendi introdotta a luglio 2019.